Una famiglia ebrea in Algeria.
I ricordi d'infanzia dell'anziano Meyer Lévy

SOLEIL

Drammatico (Fra, 1997)
Col. 104'

Regia Roger Hanin
Prodotto Christine Gouze-Rénal
Musica Vladimir Cosma
Fotografia Robert Alazraki

Personaggi e interpreti
(Titine Lévy) Sophia Loren, (Joseph Lévy) Philippe Noiret,
(Meyer) Nicolas Olczyk

Siamo nel 1940. Titine Lévy è una donna ebrea che si rifugia ad Algeri con i suoi cinque figli, mentre il marito Joseph vive in Francia sotto falso nome. Giorno dopo giorno fra speranze, paure ed incertezze, Titine deve mantenere la sua prole, tra cui il tredicenne Meyer, molto legato alla mamma. Questi, cinquant'anni dopo, diventa un famoso cardiochirurgo, sposato e con una figlia. Una sera, il professor Lévy ha un infarto e inizia a ripercorrere gli anni della sua infanzia ad Algeri...

Ottava regia di Roger Hanin, grande attore francese di origini algerine - cognato del defunto presidente francese François Mitterrand - che ci racconta con questo film la storia della sua vita e della sua famiglia. È lo stesso Hanin ad interpretare Meyer Lévy cinquantenne.
Nei panni di Titine Lévy un'intensa Sophia Loren, che firma la sua novantacinquesima pellicola. Nel 1962 la Loren vince un Oscar come Miglior Attrice Protagonista nel film drammatico La Ciociara, un altro ritratto femminile a tutto tondo.
Philippe Noiret è al suo centotrentesimo lungometraggio. Attore sia comico che drammatico, inizia a recitare sui palcoscenici dei cabaret e dei teatri.
Per il giovane attore Nicolas Olczyk si tratta della prima esperienza recitativa.



Sito RaiUno | Indietro | Sito RaiDue
© COPYRIGHT 1997- 2001 RAI