Giorgio Borghetti

Giorgio Borghetti

Nato a Roma il 23 gennaio 1971, attore
 
Giorgio Borghetti, ha mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo nel 1981 prestando la sua voce ad Elliot, il bambino di E.T. Conseguita la maturità scientifica, ha proseguito l'attività di doppiatore: sua la voce di Peter Pan (1986) e del giovane protagonista de L'attimo fuggente (1989) interpretato da Robert Sean Leonard, che ha doppiato anche in Molto rumore per nulla (1993). Come attore ha partecipato al film tv di Silverio Blasi Inverno al mare (1986) per la regia di Mino Caprio. Ha studiato dizione e recitazione con Rodolfo Bianchi, con il quale ha doppiato molti film da protagonista, tra i quali Stonewall, Dobermann, L'odio, Sotto gli ulivi, Pane e fiore, Eastis east e Central do Brazil.
Borghetti ha partecipato a due seminari di Analisi del testo (1998-2000) tenuti da Riccardo de Torrebruna, con il quale ha studiato per tre anni.
Nel 1998 ha preso parte ai film per la televisione Una donna per amico diretto da Rossella Izzo e a Game over di Massimo Spano. L'anno dopo è stato uno dei protagonisti della serie Le ragazze di piazza di Spagna 3 per la regia di Riccardo Donna; successivamente ha lavorato nella soap Ricominciare, nella serie tv Tequila e Bonetti, è stato protagonista di una puntata della miniserie Non lasciamoci più 2 di Vittorio Sindoni, ed ha interpretato un ruolo importante nella fiction in sei puntate Cuccioli di Paolo Poeti.
Conosce bene la lingua inglese che ha perfezionato in uno stage di recitazione in America nel Connecticut. Ha praticato a livello agonistico sci e tennis, ma si sa ben cimentare in altre discipline sportive tra le quali pallavolo, pallacanestro, golf, windsurf e vela.
Giorgio Borghetti è stato tra gli interpreti principali degli spettacoli teatrali Il viaggio di Palline Rossetti e Lungo viaggio verso la notte (1999) per la regia di Riccardo de Torrebruna. Nel 2001 interpreta il ruolo di Michele Massa nella serie di RaiUno Incantesimo 4.
 
aggiornata aprile 2001


Sito RaiUno | Indietro | Sito RaiDue
© COPYRIGHT 1997- 2001 RAI