Robert De Niro

Robert De Niro

Nato a New York il 17 agosto 1943, attore e produttore
 
Intenso e psicotico, inquietante e commovente, spietato e drammatico. Ma anche ironico e divertito. Bob De Niro oppure Bobby Milk come lo chiamavano da ragazzo, è figlio del Bronx. Un quartiere dal quale è ancora più difficile emergere. E lui, l'italoamericano per eccellenza, il suo bisnonno era italiano, è considerato all'unanimità uno dei più grandi attori del secolo.
Suo padre Robert Senior, nato da padre italiano e madre irlandese immigrati in Usa, è un pittore espressionista astratto, così come sua madre Virginia. L'arte è una dote di famiglia. Tanto che fin da giovane la sua unica ambizione è quella attoriale. A sedici anni comincia a frequentare corsi di recitazione: presso il Dramatic Workshop, quello di Stella Adler, il Luther James Studio e infine il prestigioso corso di Lee Strasberg. Qui incontra il suo amico attore Harvey Keitel.
Comincia col teatro Off Broadway, dove debutta con L'Orso di Cechov.
Il primo regista cinematografico a credere in lui è il grande Brian De Palma, con il quale, tra gli altri cineasti che iniziano a considerarlo, gira tre film tra il 1966 e il 1970: A Wedding Party, Ciao America! e Hi Mom.
Hollywood lo scopre subito e la sua ascesa è in salita esponenziale. Nel 1974 il mondo lo applaude, diretto da Francis Ford Coppola, in Il Padrino parte II. Un'interpretazione, quella di Vito Corleone da giovane che rende palese la sua versatilità interpretativa.
A seguito di questa performance, conosce Martin Scorsese: con lui girerà diversi successi, tra i quali Mean Streets e il film cult Toro Scatenato, 1980 con il quale vince l'Oscar e lo dedica al boxeur La Motta.
Ma non dimentichiamo pellicole quali Taxi Driver, 1976, Il cacciatore diretto da Michael Cimino e lo struggente capolavoro di Sergio Leone, C'era una volta in America. Una delle principali caratteristiche dell'attore è quella di non essere mai uguale a se stesso. Ogni personaggio, seppur capomafia o italiano emigrato oltreoceano, è diverso. Cura le sue caratterizzazioni, le affina per renderle uniche e indimenticabili. I suoi personaggi hanno in comune, però, un significato di fondo. Fanno parte di quell'umanità apolide che non si integra con gli States. Ecco il perché dei frequenti ritratti indagatori, psicoanalitici e profondi, spesso traumatici.
Nel 1984, timido e impacciato a fianco di un'altra star schiva come Meryl Streep, è il protagonista della commedia romantica Innamorarsi. E solo tre anni dopo, è l'inquietante e temibile Luis Cipher in Angel Heart-Ascensore per l'Inferno, con un drammatico Mickey Rourke. Lo stesso anno, eccolo in un'altra performance, Gli Intoccabili, con un cast d'eccezione: dove spiccano Kevin Costner e Sean Connery.
Intanto nel 1988, dopo dodici anni di matrimonio, divorzia dalla prima moglie Diahnne Abbott, per continuare una lunga serie di relazioni. Da quella con Toukie Smith ha due gemelli. Dal 1997 al 2000 è sposato con l'indossatrice di colore Grace Hightower dalla quale ha un altro figlio.
Sempre nel 1989 fonda la casa di produzione cinematografica TriBeCa.
La serie di successi cinematografici continua: dalla commedia romantica con Jane Fonda Lettere d'amore, all'ennesimo ritratto mafioso in Quei bravi ragazzi 1990; dalla straordinaria interpretazione del paziente Leonard Lowe in Risvegli, 1990 al pauroso e drammatico thriller Cape Fear-Il promontorio della Paura 1991; da Heat-La sfida, 1995 dove recita per la prima volta a fianco di Al Pacino, fino al thriller Sleepers, dove nasce la stella Kevin Spacey, che vince l'Oscar. E poi tanti, tantissimi altri film di successo. Di recente, eccolo nella caricatura del mafioso tipo, in Terapie e pallottole. Quindi altre sue emozionanti performance: da Flawless a Meet the Parents, Men of honor e 15 Minutes.
 
filmografia
riconoscimenti artistici
aggiornata giugno 2001


Sito RaiUno | Indietro | Sito RaiDue
© COPYRIGHT 1997- 2001 RAI