Dino Risi
Nato a Milano il 23 dicembre 1916
Regista e sceneggiatore italiano. Critico e documentarista.
Inizia la sua gavetta cinematografica come assistente di Mario Soldati per Piccolo mondo antico nel 1940 e poi come aiuto regista di Alberto Lattuada in Giacomo l'idealista (1942). Nel dopoguerra, si dedica alle recensioni e ai documentari.
Nel 1952 si trasferisce a Roma e gira il primo lungometraggio, Vacanze con il gangster. Nel 1955 si cimenta nella commedia di costume, venata di sottile amarezza, con il film Il segno di Venere. Lo stesso anno gira Pane amore e... - terzo capitolo della saga iniziata da Luigi Comencini - con Vittorio De Sica e una bellissima Sophia Loren.
Il 1956 è l'anno della svolta artistica: realizza una pellicola che entra nella storia del cinema italiano, Poveri ma belli, con Maurizio Arena e Marisa Allasio. Si raccontano le vicende di un gruppo di giovani romani, piccolo borghesi, alle prese con le prime storie d'amore.
Dopo due film drammatici di scarso successo - Un amore a Roma del 1960 e A porte chiuse del 1961 - torna alla commedia raffinata e sarcastica con Il Sorpasso (1961), I Mostri del 1963, L'ombrellone (1966) e Operazione San Gennaro (1967).
La collaborazione con Vittorio Gassman è la più duratura nella carriera di Risi, con quindici film in comune. Nel 1970 realizza La moglie del prete con la coppia artistica del momento Sophia Loren e Marcello Mastroianni. Il cinema ed il fascismo sono i temi centrali di Telefoni bianchi (1975). Nel 1987 gira con Lino Banfi il film comico Il Commissario Lo Gatto.
Nel 1993 il Festival di Cannes gli dedica una retrospettiva delle sue quindici opere più significative.
Nel 2000 gira una fiction sul concorso di Miss Italia, interamente girato a Salsomaggiore, dal titolo Bellissime. Il regista racconta la storia del nostro Paese attraverso gli occhi di queste ragazze, le loro paure, le loro angosce, le loro sensazioni.
filmografia
riconoscimenti artistici
aggiornata maggio 2001


Sito RaiUno | Indietro | Sito RaiDue
© COPYRIGHT 1997-2001 RAI