Una lucciola intelligente. Un pasticcere poco scaltro.
Nozze con stratagemma...
MATRIMONIO ALL'ITALIANA
Commedia (Italia, 1964)
Col. 104'
Sophia Loren   Marcello Mastroianni e Sophia Loren
Regia Vittorio De Sica
Soggetto Eduardo De Filippo
Sceneggiatura Leonardo Benvenuti,
Renato Castellani,
Piero De Bernardi, Tonino Guerra
Prodotto da Carlo Ponti
Fotografia Roberto Gerardi
Musica Armando Trovajoli
Personaggi e interpreti
(Filumena Marturano) Sophia Loren, (Domenico Soriano) Marcello Mastroianni, (Alfredo) Aldo Puglisi, (Rosalia) Tecla Scarano, (Riccardo) Vito Morriconi, (Michele) Generoso Cortini
E' proprio bella, Filumena. Un corpo statuario ed un viso da ragazza dispettosa. Impossibile non accorgersi di lei. Fa la prostituta per vivere ma adesso è sopraggiunta l'occasione per cambiare registro.
Il pasticcere Domenico, infatti, la toglie dalla strada. Anche se i suoi scopi sono tutt'altro che umanitari. La vuole come amante e come sua cameriera. Ma il meschino sopravvaluta se stesso e sottovaluta l'intelligenza della bella donna.Sophia Loren Ella infatti, escogita un incredibile stratagemma, fingendosi moribonda. E come ultimo desiderio, chiede a Domenico di sposarla e farla morire in pace con Dio. Sana sanissima, scoperto l'imbroglio fede al dito, l'annullamento è cosa certa. Ma Filumena gioca il suo asso nella manica. Tre figli cresciuti lontano dalle malelingue, uno dei quali è l'erede di Domenico...
Il film è tratto dalla commedia di Eduardo De Filippo, Filumena Marturano, magistralmente diretta con grande ironia da Vittorio De Sica. Il cineasta è alla sua ventitreesima pellicola.
Per la grande coppia Sophia Loren e Marcello Mastroianni ennesimo duetto d'eccezione. L'attrice è al suo cinquantatreesimo ciak. Per Mastroianni, invece, è la cinquantanovesima interpretazione.
Il film ottiene due nomination all'Oscar, come Migliore Film Straniero e Miglior Attrice, vince un Golden Globes come Migliore Film Straniero e ottiene altre due nomination ai due attori protagonisti.


Sito RaiUno | Indietro | Sito RaiDue
© COPYRIGHT 1997-2001 RAI